Inversione residenziale: mutamenti nell’uso dello spazio sociale a Malta*

 Naxxar, piazza della parrocchia, 1975

Naxxar, piazza della parrocchia, 1975

di Jeremy Boissevain

L’uso dello spazio per scopi residenziali è legato in modo dinamico con l’ambiente fisico e sociale. I cambiamenti in quell’ambiente influenzano l’utilizzo dello spazio. I cambiamenti nell’ambiente costruito per l’uomo derivanti dai cambiamenti nel modello di utilizzo dello spazio influenzano il comportamento sociale. Vorrei illustrare il rapporto simbiotico tra l’ambiente sociale e l’ambiente costruito per l’uomo guardando la variazione d’uso dello spazio residenziale a Malta, in particolare dal 1960.

Malta nello spazio e nel tempo

Le isole maltesi si trovano a metà strada tra Gibilterra e il Libano. La punta sud-est della Sicilia si trova a soli 60 miglia a nord, Tripoli a 220 miglia a sud e Tunisi poco più di 200 miglia a ovest. Malta[1] ha quindi sempre costituito un porto naturale di scalo tra Europa e Nord Africa. Entrambi i mondi, quello cristiano e quello musulmano, hanno contribuito a tratti culturali che i maltesi si sono adattati a uso proprio. Il linguaggio è fondamentalmente semitico e collegato all’arabo del Nord Africa. Le case dal tetto piatto con cortili interni ricordano più il Nord Africa e il Medio Oriente che il Sud Europa. Nonostante questo, le principali caratteristiche dell’organizzazione culturale e sociale dei Maltesi sono più europee che nordafricane.

La posizione strategica di Malta e i suoi grandi porti di acque profonde e riparate hanno influenzato la sua storia in non piccola misura. Fino a quando non divenne indipendente dalla Gran Bretagna nel 1964, appartenne ad una successione di grandi potenze del Mediterraneo. Gli stessi maltesi considerano la visita di San Paolo dopo il suo naufragio nel 60 d.C. come il loro più importante avvenimento storico. Sono profondamente orgogliosi dell’origine apostolica della loro religione. L’eredità della storia illustrata dell’isola è ancora molto evidente: la relativa prosperità, un elevato grado di centralizzazione, il potere della Chiesa cattolica romana e il modo dinamico in cui i suoi abitanti si adattano a nuove influenze economiche, politiche e culturali.

La relativa prosperità di Malta è in gran parte conseguenza della sua tradizionale economia a base militare con funzione di fortezza. Prima i Cavalieri di San Giovanni e poi la Gran Bretagna fornirono fondi per costruire le massicce fortificazioni dell’isola e i suoi numerosi edifici pubblici. I Maltesi sono stati impiegati come muratori, soldati e marinai, contabili e servitori e, successivamente, ingegneri e tecnici specializzati per servire la fortezza. Così l’indipendenza nel 1964 è arrivata in un paese con una infrastruttura sviluppata e una popolazione modestamente prospera che aveva acquisito competenze tecniche, sociali e culturali, tra cui la conoscenza della lingua inglese, al servizio dei suoi signori militari. Queste erano le risorse utilizzate per sviluppare una industria leggera e il turismo. Il turismo esso stesso è diventato una grande industria. Dopo l’indipendenza l’afflusso annuale di arrivi di turisti è aumentato da 38 mila a un picco nel 1981 di 728 mila.

Lo spazio sociale

Natura e cultura del passato e del presente hanno contribuito a formare una continuità dinamica a Malta. Questo non è più evidente tranne che nella posizione e nella forma dei villaggi. Fin dall’inizio del XIX secolo i villaggi e le città maltesi si trovavano ben lontani dalla costa sulle colline dell’entroterra o intorno alle fortificazioni del Grand Harbour. Le case erano strettamente raggruppate intorno ad enormi chiese simili a cattedrali. Questo modello di insediamento era comune in gran parte del Mediterraneo europeo. Data da un periodo in cui gli abitanti cercarono rifugio da predoni pirati e corsari musulmani e dalla malaria che fioriva nelle paludi costiere.[2] Sin dall’inizio del XIX secolo il Mediterraneo centrale è stato pacificato e i pericoli per via marittima hanno cessato di minacciare gli abitanti dei villaggi. Di conseguenza, le parrocchie costiere sono state fondate nel corso degli ultimi 150 anni (Mellieha 1841, Ghajnsielem 1855, Sliema 1878 , Marsaxlokk 1897, St. Paul’s Bay 1905, Birzebbuga 1913, Marsascala 1949).

Fig. 1. Naxxar 1960

Fig. 1. Naxxar 1960

[Figura 1 Naxxar 1960]

La chiesa parrocchiale rappresenta il simbolo di un villaggio, perché è il fulcro attorno al quale la vita comunitaria ha ruotato per secoli. Ogni villaggio è una parrocchia; alcune città sono divise in due o più parrocchie. Il villaggio (Rahal) come luogo di residenza non ha un leader ufficiale, non possiede alcuna proprietà, non svolge nessuna attività, e non ha nemmeno un territorio ben definito. Ma come parte di una parrocchia (parocca) ha un leader nel suo parroco, un territorio ben delimitato, regole di appartenenza chiare, e un fitto programma di attività rituali che legano i suoi membri. Il territorio della parrocchia è più ampio rispetto al villaggio e può includere varie frazioni. La parrocchia possiede proprietà di valore, la più importante delle quali è la chiesa parrocchiale. Questo edificio è più che un luogo centrale di culto. Di solito è situato vicino al centro geografico del paese, che è cresciuto intorno ad esso.

I suoi soffitti dorati e i paliotti dell’altare in argento, i suoi paramenti ricamati, le sue tappezzerie damascate, le sue statue ornate e le preziose offerte votive rappresentano la storia e la ricchezza collettiva della parrocchia accumulata nel corso dei secoli attraverso il risparmio, il lavoro e i lasciti di generazioni. Il santo a cui è dedicata la chiesa è il patrono della parrocchia e il simbolo del villaggio. Non sorprende quindi che la maggior parte delle associazioni importanti, negozi e residenze tradizionalmente si raggruppavano dentro e intorno alla piazza di fronte alla chiesa o nelle strade che conducevano ad essa. Il modello di residenza era pertanto concentrico. Esso rifletteva la distribuzione del potere economico e politico. I ceti più elevati tendevano a vivere più vicino alla chiesa e quelli con lo status più basso più lontano, in vicoli a ridosso dei campi aperti, o in borghi rurali. La residenza nel centro del villaggio conferiva prestigio perchè, come in qualsiasi altro luogo del Mediterraneo, il villaggio abitato è stato associato con la cultura della città, con la “civiltà”.[3] La periferia del villaggio che si univa ai campi, è stata associata al paese e col lavoro agricolo che a Malta, come in molti altri Paesi del Mediterraneo, aveva uno status molto basso, in quanto associato con la povertà, con un lavoro fisicamente penalizzante e con la deprivazione culturale e sociale. Alcuni di coloro che vivevano ai margini del villaggio o nell’area rurale adiacente erano persone la cui reputazione era stata distrutta da comportamenti immorali o violenti. In senso figurato e fisico erano al di fuori della comunità morale del paese.[4]

Un villaggio maltese quindi guardava verso l’interno, concentrandosi sulla chiesa parrocchiale e sull’intensa vita sociale, politica, economica, rituale e cerimoniale che si svolgeva dentro e intorno alla piazza centrale. Le numerose processioni religiose che attraversano le vie immediatamente adiacenti alla piazza centrale contribuivano a partecipare a questo nucleo centrale vicino alla chiesa. I cortei, per così dire, legavano lo spazio secolare della zona d’elite del paese allo spazio sacro della chiesa. Le processioni religiose non percorrevano i quartieri più poveri e periferici, anche se il parroco faceva sforzi per collegare tutte le famiglie alla chiesa benedicendo loro e le loro case subito dopo la Pasqua.

Fig. 2 Naxxar 1985

Fig. 2 Naxxar 1985

[Figura 2 Naxxar 1985]

Naxxar
Naxxar, l’antico borgo collinare (la parrocchia è stata fondata nel 1436), su cui questo studio si concentra, è stato per molti aspetti tipico dei villaggi maltesi. Nel 1961, quando ho messo piede in paese, contava una popolazione di 5.000 abitanti.[5] Il villaggio di Naxxar formava il centro di una vasta parrocchia che nel 1961 comprendeva tre frazioni, San Pawl tat-Targa, Maghtab e Bidnija. La struttura sociale e residenziale del villaggio era concentrica. Le cinque strade più importanti del villaggio conducevano nella grande piazza di fronte alla chiesa che costituiva il centro sociale e culturale se non geografico del paese (vedi figura 2). Sulla piazza, o a non più di due minuti a piedi da essa, si trovavano la casa del parroco, la stazione di polizia, le case e i locali del notaio e del farmacista, le case di quattro dozzine circa di sacerdoti del villaggio, il palazzo del Marchese Scicluna e, accanto a questo, la Banca Scicluna. Quattro dei macellai della città, tre delle sue cinque enoteche, quattro dei sei negozi di alimentari, il sarto del villaggio, i due barbieri, un fabbro dell’argento, diversi bazar di casalinghi e tutte le più importanti associazioni di volontariato si trovavano in questa zona. Tra queste, il Club della Banda della Pace, il Victory Social Club, diverse associazioni parrocchiali di laici, la squadra di calcio e, ultimi ma non meno importanti, il Partito Laburista di Malta e i club del Partito nazionalista.

Naxxar,via santa Lucia, 1965 (foto Boissevain)

Naxxar,via santa Lucia, 1965 (foto Boissevain)

La piccola cappella di San Giovanni, una delle cinque cappelle del villaggio, che si trova ai margini ad ovest del paese, ha costituito il punto focale del quartiere più povero. Nel 1961 due enoteche e un negozio di generi alimentari si trovavano lì. La maggior parte dei residenti del quartiere San Gwann erano operai industriali o impiegati semiqualificati o non. Anche molti agricoltori vivevano lì, e parecchi facevano i pendolari verso i loro poderi a Maghtab nella pianura tre miglia a nord ovest del paese, tornando alle loro “case di città” per i fine settimana e i giorni festivi. Circa mezzo miglio a nord della chiesa parrocchiale, una decina di case e ville erano raggruppate attorno ad una antica torre di avvistamento e alla cappella di San Pawl tat-Targa. San Paolo presumibilmente riposò lì, dopo aver risalito la scarpata durante il suo cammino verso Mdina, la capitale dell’isola, dopo il suo naufragio. San Pawl tat-Targa, situato sul crinale che domina il nord-ovest dell’isola, è un elegante borgo residenziale. Diversi membri della nobiltà di Malta possedevano case lì, come l’aveva l’Alta Commissione Britannica.

Per riassumere quindi, Naxxar nel 1961 era un vasto villaggio, relativamente isolato, residenzialmente e socialmente concentrato attorno alla sua svettante chiesa parrocchiale. Questo modello concentrico, replicato nella maggior parte dei villaggi maltesi nel 1961, è cambiato notevolmente da allora.

Il cambiamento

Tre sviluppi hanno avuto luogo negli ultimi venti anni che hanno interessato radicalmente l’utilizzo dello spazio sociale nei villaggi maltesi: i programmi governativi per costruire nuove strade e complessi residenziali; una crescente prosperità; e un afflusso di residenti stranieri.[6] Dalla fine degli anni ‘50 fino ad oggi il governo ha continuamente ampliato la rete stradale. Nuove arterie sono state aperte attraverso la campagna per collegare le regioni, tangenziali sono state costruite intorno ai villaggi e vie di accesso ai centri storici. Dopo la vittoria del partito laburista nel 1971, il governo ha iniziato sistematicamente a edificare complessi residenziali. Di solito questi sono situati in zone ai margini dei villaggi esistenti. La fine degli anni ‘60 e i primi anni ‘70 sono stati caratterizzati da un boom edilizio senza precedenti, reso possibile dalla crescente prosperità grazie ai profitti drenati dal turismo, alla modesta industrializzazione e, soprattutto, all’aumento della spesa per opere pubbliche, salari, posti di lavoro ed altri benefici sociali introdotti dal governo socialista. Ciò ha permesso ai Maltesi di costruire le proprie case nelle zone rese accessibili dalle nuove strade.

Le case costruite durante gli anni ‘60 e ‘70 differivano da quelle di città tradizionali. Le abitazioni che i residenti stranieri avevano fabbricato per se stessi influenzarono le nuove costruzioni. Attratti dal clima e dai benefici fiscali, molti stranieri si stabilirono a Malta nel corso degli anni ‘60, raggiungendo un picco di 4.500 coloni nel 1971. Dopo il loro numero cominciò a declinare.[7]Questi coloni stranieri, per la maggior parte in pensione con un capitale consistente, acquisirono due tipi di abitazioni. In primo luogo, le tradizionali e austere “case di carattere”, con facciate lisce, con alti soffitti, archi, travi in legno e un numero variabile di camere erano situate intorno ad un cortile centrale. Alcune sono state situate nei quartieri più vecchi delle città e dei villaggi, molte erano anche in aziende agricole periferiche tranquille, dove c’era spazio sufficiente per la costruzione di piscine. Altri residenti stranieri costruirono case in campagna, ben distanti rispetto alla strada, circondate da ampi giardini e spesso dotate di vasche. Queste residenze, in contrasto con le cupe case maltesi tradizionalmente rivolte verso l’interno, guardavano all’esterno, verso il paese. Una serie di terrazze, balconi e ampie finestre godevano della vista del paese e, soprattutto, della luce del sole. Così i facoltosi coloni stranieri introdussero un nuovo stile di abitazioni e stabilirono nuove norme. Essi costruirono case con proiezioni esterni, estremamente costose e collocate nella campagna tradizionalmente contrassegnata da ceti di basso status sociale, invece che nell’area urbana storicamente abitata da ceti di alto status sociale, adiacente alle chiese parrocchiali.

Con l’aumento del benessere i Maltesi furono alla ricerca di una migliore abitazione. Una nuova casa divenne un importante status symbol. Queste nuove abitazioni del villaggio copiavano aspetti delle sontuose ville di campagna. Anche se su scala minore, avevano anche iniziato a costruire balconi e terrazze più grandi. Essi edificarono le case arretrando dalla strada per mezzo di un giardino o, almeno, di una nicchia o un parapetto a terrazza. Queste nuove abitazioni furono inoltre situate lungo i nuovi percorsi e le strade lontane dalla tradizionale zona residenziale di alto status prossima alla chiesa parrocchiale. L’utilizzo dello spazio nei villaggi maltesi e il regime sociale ad esso associato sono quindi cambiati drasticamente negli ultimi venti anni. Questi cambiamenti possono essere illustrati dagli sviluppi a Naxxar.

Sviluppi a Naxxar

Gli sviluppi a Naxxar sono stati abbastanza esemplari degli eventi che hanno avuto luogo in altri villaggi maltesi. La posizione collinare di Naxxar significava più fresche brezze estive e splendida vista panoramica. Queste caratteristiche, insieme con San Pawl tat-Targa, la sua elegante frazione residenziale, hanno attirato i primi residenti stranieri, desiderosi di vivere e costruire al di fuori di un villaggio. Poiché Naxxar era accessibile solo tramite ripide strade tortuose, è stato anche uno dei primi paesi a ricevere una nuova strada di accesso. Per ragioni di prestigio, altri villaggi hanno chiesto strade simili. Diamo uno sguardo alle diverse fasi di costruzione della Naxxar post-bellica. Il primo sviluppo del dopoguerra ha avuto luogo intorno al 1950, quando nuove strade furono disposte nella zona immediatamente a ridosso e ad ovest della chiesa parrocchiale. Il governo laburista nel 1958 promosse poi l’apertura del Viale del Lavoro, che collegava la principale arteria di traffico dell’isola direttamente al cuore del villaggio, perché si apriva sulla piazza del paese. La costruzione del Viale del Lavoro fu per molti aspetti un atto politico, perché il suo accesso alla piazza della chiesa comportò la distruzione di una piccola cappella e della casa del padre del notaio, un ex ministro del governo nazionalista.

Quando siamo arrivati al villaggio nel 1961 l’unica nuova zona residenziale era immediatamente dietro la chiesa (dove il padre del notaio aveva traslocato). Non c’erano case lungo il Viale del Lavoro (vedi figura 1). Quando siamo tornati in vacanza nel 1966 gli abitanti di Naxxar erano occupati a costruire nuove case eleganti sul lato occidentale del Viale del Lavoro, fuori dalla piazza del paese. Abbiamo visitato una coppia di amici che si erano appena trasferiti lì. Erano stati nostri vicini nel vicolo dove vivevamo nel 1961. Avevano venduto la loro piccola casa del vicolo, che condividevano con la madre del marito, ad una società immobiliare inglese che l’aveva poi rivenduta con un enorme profitto ad una coppia inglese in pensione.

Nel 1974, quando tornai di nuovo nel villaggio per un breve tempo legato ad una ricerca, notevoli ulteriori cambiamenti erano avvenuti. Le più eclatanti erano le nuove case lungo una strada completata da poco, a sud della piazza parrocchiale, verso il vicino villaggio di Mosta. Questa nuova strada, Viale XXI Settembre, era stata pianificata dal governo nazionalista (1962-1971) e così denominata per commemorare l’indipendenza di Malta, conquistata sotto il governo nazionalista. Ho vissuto in uno dei nuovi appartamenti costruiti lungo il lato nord. Altre case erano in costruzione. Entrambi i lati del Viale del Lavoro erano stati edificati e l’espansione era ancora in corso giù per la collina. Un imprenditore locale, in collaborazione con il notaio, aveva intrapreso gran parte della costruzione lungo il Viale XXI Settembre e nelle aree di nuovo sviluppo dietro la chiesa. Molte ville di lusso erano anche state costruite dagli stranieri, ma anche dai maltesi più abbienti, tra il villaggio e San Pawl tat-Targa, lungo la scarpata che si affaccia a nord-ovest dell’isola. Quando abbiamo nuovamente vissuto in paese, nel 1978, la campagna intorno a San Pawl tat-Targa era disseminata di ville. Il Viale XXI Settembre è stato urbanizzato su entrambi i lati e abitazioni residenziali private e pubbliche erano in costruzione a sud. Nel 1985 il vecchio villaggio di Naxxar era collegato a San Pawl tat-Targa da una serie continua di case di città e ville. Il vecchio nucleo del villaggio era stato circondato da una periferia di costose nuove dimore. Il Viale XXI Settembre era diventato il centro commerciale del paese. Nuovi negozi di ferramenta, farmacie, boutique, negozi di mobili fornivano agli acquirenti un comodo accesso a una vasta gamma di moderni beni di consumo. Naxxar nel 1985 era un posto molto diverso da quell’isolato borgo collinare che avevamo prima conosciuto nel 1961 (vedi figura 2).

Come tutti i villaggi maltesi nel corso degli ultimi venti anni, Naxxar era diventata più eterogenea, molto del suo centro si era spostato verso la periferia e il ritmo della vita era cambiato sensibilmente. Questi sviluppi sono stati parzialmente influenzati dai cambiamenti nell’ambiente artificiale che sono stati descritti. Prima di tutto, e forse più ovviamente, Naxxar aveva perso molto del carattere chiuso che aveva venticinque anni prima. Il Viale del Lavoro allora aveva già svuotato il villaggio. Quella che una volta era stata una piazza intima e raccolta era stata aperta verso l’esterno, quasi come se il salotto di una casa avesse avuto una sua parete abbattuta per esporre i fatti intimi che vi si svolgevano agli sguardi del mondo esterno. Gli abitanti più anziani si lamentavano con noi per questi cambiamenti già nel 1961. Ma la piazza allora era ancora affollata. Nel 1985 il paese è diventato particolarmente affollato di stranieri. Quando abbiamo vissuto a Naxxar per la prima volta, tutti i non-nativi erano sposati alla gente del posto, anche se alcuni imprenditori locali affittavano appartamenti a diverse famiglie militari britanniche. Nel 1985 circa 2.500 nuovi arrivati senza radici nel villaggio si erano trasferiti per occupare le moderne nuove abitazioni nella proprietà del governo e nelle aree di sviluppo commerciale.

Il senso di comunità ancora esistente nel 1961 tra vicini e compaesani (i quali erano almeno parenti lontani o amici di amici, portavano soprannomi di villaggio e vivevano in case di famiglia di cui almeno un componente era locale) si era alterato sensibilmente. Molti vicini erano ormai sconosciuti, avendo legami di parentela e di amicizia con persone di altre parrocchie. Il parroco era preoccupato per l’afflusso di stranieri. Egli fece passi coscienti per integrare i nuovi arrivati e le nuove aree residenziali, dove ora vivevano anche molti Naxxareni. Alla fine degli anni ‘70 egli dirottò alcune delle marce della banda che precedono la festa annuale del santo patrono del paese, la Nascita della Madonna (celebrata l’8 settembre), in modo da passare attraverso alcune delle nuove strade a ridosso della chiesa e, soprattutto, delle nuove zone residenziali a sud del Viale XXI Settembre. Cercò anche di legare questa zona più strettamente alla parrocchia tenendo una messa all’aria aperta lì prima della festa.

 Naxxar, case tradizionali, 1989 (foto Boissevain)

Naxxar, case tradizionali, 1989 (foto Boissevain)

Nel 1985 la chiesa parrocchiale raccolse i nuovi residenti periferici per ascoltare la messa il sabato sera e la domenica mattina. La piazza della parrocchia era quindi affollata con le loro auto parcheggiate e, dopo la messa, con le persone che andavano e venivano, continuando a funzionare come palco centrale per la sontuosa solennità della processione del Venerdì Santo e in occasione della vivace celebrazione del patrono della parrocchia. Questi rituali hanno inoltre richiamato la gente dalla periferia e da altri villaggi, perchè Naxxar allestì un grande spettacolo. Il clero ha consapevolmente sviluppato questi eventi cerimoniali tradizionali. È anche attraverso la partecipazione al ciclo settimanale e stagionale dei rituali religiosi che i nuovi arrivati possono diventare membri partecipanti della parrocchia e quindi del paese come comunità. Questi rituali li aiutano a stabilire nuove radici.[8]

Se nel 1961 il focus residenziale e commerciale era ripiegato all’interno, sulla piazza principale, questo non era più così nel 1985. I paesani rampanti instabili non vivevano più o non aspiravano a vivere sulla piazza o vicino ad essa. Si erano spostati verso la periferia. Anche se le principali macellerie, i bar e i club erano ancora localizzati sulla piazza principale, così come lo erano il mercato settimanale e la banca, un nuovo centro commerciale era sorto lungo il Viale XXI Settembre. E nuovi erano i negozi che fornivano una serie di beni precedentemente disponibili solo nelle grandi città o nella città di Valletta. Televisori, frigoriferi, animali domestici, regali di nozze, gioielli, abiti, e i più recenti giornali europei potevano ora essere acquistati nel villaggio. Questo ha generato una nuova e importante fonte di reddito per molti locali.

Anche il ritmo della vita del villaggio nel 1985 era cambiato. Oltre alla messa e al traffico della festa, la piazza non era più affollata come lo era stata nel 1961. A quel tempo, nelle sere d’estate, di solito era piena di uomini seduti sul sagrato e sulla scalinata della chiesa parrocchiale. Da lì si poteva osservare gran parte del traffico sociale che scorreva attraverso la piazza dentro e fuori dei bar, club e associazioni parrocchiali. Nel 1985, molti abitanti del villaggio vivevano troppo lontano dal centro per poter passeggiare in piazza per incontrare gli amici.

Non erano cambiate soltanto le attività in piazza. Le strade del centro della città erano anche meno popolate. Non c’erano più molte persone che passavano o sedevano davanti alle loro case nelle sere d’estate per prendere l’aria fresca. Questo cambiamento può essere in parte spiegato con il movimento centrifugo verso la periferia. C’erano meno persone che vivevano nel centro del villaggio di quante ce ne fossero venti anni fa. Inoltre, stranieri o ricchi giovani cittadini maltesi che non erano abituati a trascorrere del tempo sulla porta di casa a chiacchierare con i passanti o l’uno con l’altro occuparono molte delle tradizionali “case di carattere” nel centro. Ci furono anche altre ragioni per le quali il centro di Naxxar sembrava più deserto nel 1985 rispetto a quando avevamo vissuto lì all’inizio.

Nel 1985 ogni casa aveva la televisione. Poichè Malta è vicina alla Sicilia, la metà dei maltesi aveva accesso non solo ai programmi TV nazionali, ma anche ad una serie di canali italiani. Anche la televisione, insomma, tenne gli uomini fuori dai club e dai bar, che venti anni fa erano i luoghi in cui erano costretti ad andare per assistere ai programmi del piccolo schermo.

Un ultimo fattore che ha contribuito al cambiamento nel ritmo del villaggio fu l’enorme aumento del trasporto privato. Praticamente ogni famiglia del villaggio nel 1985 possedeva un’auto. La gente era quindi in grado di lasciare il villaggio quando voleva. Le persone non erano più legate al bus che le lasciava lontane dalla piazza principale. Questo permise loro non solo di partire quando volevano, ma, cosa ancora più importante, di tornare più tardi, perché l’ultimo autobus ritornava da Valletta poco prima delle 22:30. Quelli con le automobili potevano stare lontano più a lungo. Molti, soprattutto in estate, rimanevano fino a dopo mezzanotte in riva al mare per sfuggire al caldo soffocante che si accumulava nel villaggio. Molti Naxxareni avevano comprato anche case al mare nella zona della Baia di St. Paul. Anche questo li allontanò dal villaggio nelle sere d’estate e nei fine settimana.

Per riassumere, quindi, il mutato modello di insediamento nei villaggi maltesi, sintetizzato dagli sviluppi di Naxxar, rifletteva un maggiore coinvolgimento esterno. Dal momento che sempre più persone lavoravano e si sposavano al di fuori della parrocchia, più stranieri si trasferirono nel villaggio conservando legami altrove, e in conseguenza del trasporto pubblico e privato che diventò più facilmente disponibile, in corrispondenza con la diffusione e il consumo della televisione, la gente dipese sempre meno dai vicini di casa per il lavoro e il tempo libero. Essi guardarono sempre più verso l’esterno, oltre i limiti parrocchiali. Il passaggio da un orientamento centrato sul villaggio ad una traiettoria diretta verso un l’esterno si riflette nel modo in cui la gente aveva riorientato il proprio spazio sociale. La comunità di interesse e le attività collegate non erano più principalmente ricondotte all’interno del villaggio. La struttura e la posizione delle case che erano state costruite negli ultimi venti anni riflettevano questo mutamento. Esse non guardavano più esclusivamente verso l’interno, e non erano più orientate e organizzate attorno alla chiesa parrocchiale.

naxsar nuove case

Naxxar, nuove case in periferia,1998 (foto Boissevain)

Conclusioni

L’orientamento di spazi residenziali a Malta è cambiato abbastanza radicalmente. La periferia del villaggio, una volta socialmente marginale, nonché l’aperta campagna una volta stigmatizzata, sono diventate ambite zone residenziali. Anelli di ville e complessi residenziali hanno incapsulato la vecchia periferia, che le elite e le coppie di condizione agiata in cerca di case tradizionali hanno in parte gentrificato. Numerose aperture hanno trafitto le pareti esterne delle case, una volta simili a fortezze. La periferia tradizionale ha perso il suo ambivalente carattere liminale. Dal momento che l’aperta campagna è stata popolata da ricchi maltesi e da stranieri, e non è più associata alla povertà e alla privazione, e dal momento che i pochi agricoltori a tempo pieno sono considerati benevolmente come folklore vivente, essa non è più una minaccia.

Di conseguenza, la nuova periferia del villaggio non è più una zona di netta transizione tra la pericolosa rozza campagna e il centro urbano di status elevato del paese. Questi cambiamenti hanno interessato sia lo stile abitativo e la posizione di residenza che il ritmo della vita del villaggio. Questi sviluppi hanno una forte somiglianza strutturale col modo in cui la costa maltese ha perso il suo stato liminale ambivalente nel corso del XIX secolo, in seguito alla pacificazione con il mare fino ad allora pericoloso da parte della Royal Navy.

Nel corso degli ultimi centocinquanta anni si è registrata una inversione che ha colpito il tradizionale orientamento verso l’interno dello spazio residenziale a Malta. La direzione del cambiamento è stata in gran parte dall’esterno verso l’interno. Prima il mare fu pacificato, poi, ad esso legata, la campagna. La linea costiera, la campagna e la periferia del villaggio, i limiti sociali tra sconosciute – quindi pericolose – aree e le aree note protette e familiari, hanno perso il loro ruolo di aree di transizione.[9] Così esse sono diventate meno ambivalenti, più permeabili. Proprio come i villaggi si sono sparsi lungo la costa, nuovi insediamenti sono stati costruiti in zone periferiche e grandi finestre e balconi sono stati aperti sui muri delle case.

Poiché il pericolo dall’esterno diminuì a seguito degli sviluppi politici ed economici, varie soglie hanno perso il loro significato come zone di transizione. L’orientamento verso l’interno dello spazio residenziale non ebbe più alcuna utilità pratica. L’inversione dello spazio sociale a Malta riflette proprio tutto questo.

(traduzione dall’inglese a cura di Giuseppa Ripa)

Dialoghi Mediterranei, n.7, maggio 2014

Note


[1]           Malta, la più grande e la più meridionale delle tre isole che formano l’arcipelago maltese, ha una lunghezza di 20 miglia ed è larga 9 miglia. Gozo, la principale isola sorella, è solo nove miglia per cinque.La piccola isola di Comino si trova nel canale che separa le due isole principali. Complessivamente l’arcipelago ha una superficie di soli 122 miglia quadrate (316 km quadrati). Poiché le isole hanno una popolazione totale di circa 330 mila (1985) la densità di popolazione è di 2.700 per miglio quadrato (1.045 per km quadrato). Nonostante l’intenso affollamento vi sono notevoli terreni liberi lontani dalla conurbazione industriale che si è sviluppata intorno al porto. Ci sono più di cinquanta villaggi e città che vanno da poco meno di mille a poco più di 15 mila abitanti.

[2]          Blok, A. 1969, “South Italian agro-towns”, Comparative Studies in Society and History, XI, 121-35.

[3]          Silverman, S. 1997, Three Bells of Civilization: The Life of an Italian Hill Town, New York: Columbia University Press.

[4]          Boissevain, J. 1978, “The Maltese Islands” in Face Values, ed. Ann Sutherland. London: BBC, 128.

[5]           Boissevain, J. 1965, Saints and Fireworks: Religion and Politics in Rural Malta, London: Athlone Press.

6]          Boissevain, J. 1977, “A Causeway with a Gate: The Progress of Development in Malta”, in Perceptions of Development, ed. Sandra Wallman, Cambridge: University Press, 88-97.

[7]     Esmeijer, L. 1984, Marginal Mediterraneans: Foreign Settlers in Malta, Amsterdam: Euromed, 26-7.

[8]        Boissevain, J. 1984, “Ritual Escalation in Malta”, in Religion, Power and Protest in Local Communities The Northern Shore of the Mediterranean, ed. E. R. Wolf. Berlin, New York, Amsterdam: Mouton, 1984.

[9]          Van Gennep, A. 1960, The Rites of Passage, trans. M. B Vizedom and G. L. Caffe, Chicago.

*   Questo saggio è stato per la prima volta presentato alla Conferenza Euromed sul tema “Percezione e uso dello spazio e della comunicazione non verbale nelle società europee e mediterranee”, Maastricht, 11-12 gennaio 1985. Sono estremamente grato a Jojada Verrips e Joe Friggieri per i loro utili commenti. Denis de Lucca, Conrad Thake e Jan Ter Haar mi hanno aiutato con le mappe di Naxxar. È stato pubblicato nel 1986 in Hyphen: A Journal of Melitensia and the Humanities V (2) 163-93, e nel 1990 come “Inversie van een woonpatroon. Veranderingen in het gebruik van sociale ruimte in Malta” in Jojada Verrips e Kitty Verrips, eds., Ruimtegebruik en Lichaamstaal in Europa en Noord-Afrika. Amsterdam: Het Spinhuis, 75-88. In realtà, questo dibattito è stato anche il precursore del documento che ho presentato su “Modifica dei paesaggi maltesi: Dallo spazio utilitaristico al patrimonio?” al workshop Zdizislaw Mach organizzato a Cracovia su The Cultural Construction of Landscapes nel settembre 1998!

Se vuoi condividere l'articolo sui Social Network clicca sulle icone seguenti:
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Società. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>