Il Mediterraneo. Palmira ovvero la bellezza perduta

COPERTINA  di  Salvatore Clemente

I recenti accadimenti che hanno interessato il sito archeologico mettono ancora una volta in evidenza la barbarie che ha sempre ciclicamente caratterizzato le comunità umane. L’invito a scrivere qualcosa al riguardo, per un luogo oggi assurto con la sua brutale distruzione all’indignazione mondia- le,  ha fatto riemergere in me ricordi di un viaggio in Siria  – e della visita di Palmira in particolare – fatto nel lontano 1993.

Il valore artistico dei resti di fantastici edifici, la bellezza delle colonne, i ricchi capitelli, i basolati delle strade e le splendide torri cimiteriali, al di là delle vetustà evidenti in parte restaurate, mostrano e dimostrano l’importanzaSIR681-9 che il luogo ebbe nella storia, la superba e imponente vastità della Palmira che fu. Con un po’ di fantasia, poi, ognuno potrà anche immaginare le promiscuità etniche e la pacifica convivenza dei molti abitanti del tempo. Di certo potersi muovere fra monumenti così suggestivi ha sempre rappresentato una di quelle unicità che si possono ancora provare solo in pochi angoli del mondo, e ciò a prescindere della sensibilità emotiva e culturale di ciascuno. La narrazione di valide guide che durante le visite illustrano i tanti eventi che hanno interessato il sito ci consente di conoscere i personaggi, più o meno illustri, che hanno percorso quei luoghi prima di noi.

SIR673-9Il tutto consente di coronare il vero scopo culturale di questi viaggi, che dovrebbero indurci a riflettere sulla profondità delle radici della nostra modernità, a partire dalle più evolute realtà del passato. La fisicità stessa dei luoghi costituisce prova della storica evidenza di queste monumentali eredità.

SIR688-9

Ai miei occhi Palmira esteticamente si presentava anche come un felice connubio. Infatti, lo scenario desertico che esaltava il castello islamico sovrastante l’ampia valle, paradossalmente, lasciava intuire l’armoniosa coesistenza e la perfetta plurisecolare sintonia tra il mondo dell’Islam e quello dell’Occidente euroasiatico.

SIR639-9Il luogo, poi, in assenza totale di turisti, ebbe ad offrirmi l’opportunità di godere sensazioni intime particolari.Compatibilmente alle occasioni di volta in volta utilizzabili, anche per rispondere al gusto del reportage fotografico, SIR645-9un mio modo di viaggiare è sempre stato quello di associare alle programmate visite guidate la possibilità di muovermi in forma libera e autonoma nei luoghi e fra la gente. Nel caso specifico, il sito monumentale di Palmira è stato uno dei luoghi che mi ha comunicato straordinarie esperienze emozionali, e di certo le più forti sensazioni le ho potute provare durante una visita in solitaria della valle, nelle ore fantastiche di un lento e lunghissimo tramonto.

SIR652-9

Nessuno dei miei compagni di viaggio volle seguirmi e, durante la solitaria scorribanda, soltanto una berbera indigena infine mi accompagnò nella suggestiva escursione. Passivamente, come un’ombra.

SIR589-9Alla fine, per premiare anche la silenziosa presenza, acquistai una piccola borsetta realizzata a mano con lana grezza, forse da lei stessa lavorata con l’utilizzo di qualche rudimentale telaio.SIR630-9

Nel silenzio assoluto, rotto solo dai miei passi, e nel gioco di luci di un sole calante, ulteriore spettacolo fu quello offertomi dal colore aureo assunto ad un certo momento dai ruderi e dalle loro lunghe ombre  proiettate sulla sabbia.

 Indescrivibile lo scenario crepuscolare materializzatasi con la luce dell’ora blu.

SIR588-9Se consideriamo i nefasti recenti vandalismi, si può affermare con più amara consapevolezza che la distruzione fisica di qualunque sito archeologico costituisce solo la barbara regressione degli istinti animaleschi insiti nell’uomo, la riproposizione di oscurantismi passati che non potranno comunque mai cancellare la storia, consolidatasi nel tempo anche nel DNA culturale di ciascun essere vivente.

            Dialoghi Mediterranei, n.18, marzo 2016

________________________________________________________________

Salvatore Clemente, fotografo palermitano che scopre la passione per la fotografia negli anni settanta. Inizia con una Yashica FRII, per poi passare a Contax. Necessità di autofocus lo portano all’uso di fotocamere Nikon per approdare infine al digitale (Nikon). Ha realizzato molteplici reportages nel corso di diversi viaggi (Cina, India, Pakistan, Peru’, Vietnam, Cile, Argentina, Marocco, Sud Africa, Birmania, Bolivia, ecc…).   È autore con M. Lo Chirco del volume Un’immagine, un racconto, pref. Nino Giaramidaro, Palermo 2009.

________________________________________________________________

Se vuoi condividere l'articolo sui Social Network clicca sulle icone seguenti:
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Immagini. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il Mediterraneo. Palmira ovvero la bellezza perduta

  1. Toti scrive:

    Unitamente al Giornale, ringrazio l’amico Nino Giaramidaro per l’opportunità offerta. Al contempo segnalo che l’articolo è stato ripreso anche da https://www.facebook.com/storia7/?fref=nf

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>