- Dialoghi Mediterranei - http://www.istitutoeuroarabo.it/DM -

Il punto di vista del cielo

Posted By Comitato di Redazione On 1 luglio 2020 @ 00:01 In Immagini,Società | No Comments

2

Foto di Francesco Valacchi

immagini

di Francesco Valacchi

Mettersi sulla porta di un aereo in volo, senza alcun vincolo che possa evitare la caduta è di per sé un gesto folle ma ancor più folle è immergersi nel paracadutismo sportivo e permettere che questa meravigliosa pratica possa cambiare per sempre la tua vita e divenire una necessità primaria dalla quale non si può prescindere; ad ogni costo.

Le sensazioni che si provano nei momenti della preparazione del lancio: imbragatura e controllo degli strumenti, salita in aereo, regolazione del casco e di una eventuale telecamera e ultimo controllo sono senza dubbio fuori dall’ordinario, straordinarie.

Al pari della ridda di pensieri che affollano e sconvolgono la mente nell’attesa del lancio vi è la gioia un po’ folle di saltar fuori urlando e dimenandosi o sfruttando il vento per raggiungere la velocità desiderata il prima possibile e l’euforia di sentirsi compiuti che si può assaporare immediatamente dopo l’atterraggio.

vlcsnap-2020-06-16-22h06m50s249

Foto di William Penny

A dispetto dell’efficacia con cui queste straordinarie sensazioni possono essere abbozzate con una qualche approssimazione e addirittura narrate a chi non le ha mai provate, l’eclettica esuberanza che si percepisce in caduta libera resta indescrivibile e incomprensibile da parte di chi non l’ha mai sperimentata.

vlcsnap-2020-06-16-22h08m59s045

Foto di William Penny

c

Foto di Luca Giovannini

3

Foto di Francesco Valacchi

Si tratta di una serie di attimi di grazia interiore che si finisce per provare talmente internamente che nelle prime occasioni non è infrequente scordarsi addirittura di respirare mentre si è intenti a volare. Nei momenti di caduta libera accade puntualmente di gioire, gioire irrefrenabilmente, qualunque cosa accada.

Ecco, forse è proprio questo il punto principale: quello che si dovrebbe rispondere quando davanti a un bicchiere di birra o durante una semplice conversazione fra conoscenti qualcuno propone la fatidica domanda: – Cosa si prova a lanciarsi? -Si gioisce, si esulta.

1

Foto di Francesco Valacchi

Come descriverlo meglio? Non credo ci sia un modo migliore, semplicemente si esulta.

Certo non è subito così facile: non si arriva in una zona lancio (i luoghi dove si pratica questo meraviglioso sport) e a cuor leggero ci si iscrive ad un corso di paracadutismo come ad una partita di calcetto. È una scelta che consapevolmente o inconsapevolmente può cambiare la vita.

vlcsnap-2020-06-15-23h35m50s940

Foto di Francesco Valacchi

b

Foto di Francesco Valacchi

vlcsnap-2020-06-15-23h38m32s363

Foto di Francesco Valacchi

Iniziare non è facile, per quanto la tecnica e la tecnologia abbiano messo molti strumenti didattici nelle mani degli istruttori per rendere il cammino verso la caduta libera più semplice e sicuro possibile. I materiali (i paracadute) godono ormai di ottime sicurezze che, oltre a mettere a disposizione un sistema di apertura automatica ad una certa quota, avvisano del raggiungimento delle varie quote in caduta sia visivamente che acusticamente (con un piccolo allarme inserito nel casco di paracadutista).

vlcsnap-2020-06-16-22h07m47s718

Foto di William Penny

La guida del paracadute (una volta aperto) è poi facilitata da sistemi radio e senza dubbio, con la possibilità di utilizzare simulatori, si riducono drasticamente i problemi di adattamento alla caduta libera.

vlcsnap-2020-06-15-23h38m21s616

Foto di Francesco Valacchi

Ma, a dispetto di tutti questi innegabili progressi, arriva sempre e inevitabilmente il momento di mettersi sulla soglia della porta ed entrare dentro il cielo e questo attimo ci pone di fronte alla realtà dei fatti: essere in diretto rapporto col vuoto, con l’aria, con il cielo.

E questo, giustamente, spaventa, senza girarci troppo intorno ecco: generalmente per un po’ di tempo fa paura lanciarsi fuori. Fa paura almeno per le prime cento o duecento volte e continua a far impressione, anche se per un periodo consistente, ci si deve astenere dall’attività e poi si riprende.

vlcsnap-2020-06-16-22h13m38s368

Foto di Francesco Valacchi

Ma posta questa sensazione di timore gestito al meglio, che senza dubbio rende ancora più attenti alla procedure da seguire nell’evitare incidenti, e che si supera con la pacata gestione dell’emozione data da un controllo dei materiali, dal ripasso delle procedure di emergenza e dalla concentrazione nell’attimo (respirazione e presenza a se stessi), oltre la porta esiste solo la gioia del volo.

5

Foto Francesco Valacchi

Spingere l’aria col proprio corpo per volare nelle varie direzioni e più o meno velocemente verso terra, insieme ad altri che condividono quell’attimo di pura esultanza. Vedere il suolo da questo punto di vista: 4000 metri di altezza, penetrando un cuscino di aria sempre più solido, man mano che aumenta la velocità, è una sensazione ed un punto di vista sulle cose eccezionale.

vlcsnap-2020-06-16-22h07m13s353

Foto di William Penny

vlcsnap-2020-06-16-22h16m06s262

Foto di Francesco Valacchi

E il gioco si fa sempre più interessante man mano che si imparano tecniche di volo più complicate e soprattutto si impara a pensare e prendere semplici decisioni mentre si vola: chi seguire degli altri paracadutisti, come seguirli e magari come inquadrarli per ottenere il meglio dalle proprie foto e presentarle nel modo migliore. In modo, insomma, che si possa far intuire il punto di vista del cielo.

vlcsnap-2020-06-16-22h13m22s886

Foto di Francesco Valacchi

f

Foto di Francesco Valacchi

Filmare o fare foto in aria è un po’ più complesso che a terra sia per contingenze dovute al proprio stato, dal momento in cui si salta dall’aereo si è in una predisposizione fisica e mentale particolare, sia per i mezzi che si hanno a disposizione che sono, per forza di cose, ridotti e circostanziati. Proprio queste particolarità però rendono la sfida ancora più bella, oltre a dover cogliere, sempre, un momento irripetibile dato dall’azione dei corpi unita alla prospettiva in caduta libera.

  Dialoghi Mediterranei, n. 44, luglio 2020

______________________________________________________________

Francesco Valacchi, vive a Livorno, laureato in Scienze strategiche a Torino e Studi internazionali a Pisa, si è poi dottorato in Scienze politiche/Geopolitica nel 2018. Si occupa di geopolitica, geoeconomia e International Political Economy con particolare riguardo all’area asiatica. Ha pubblicato una monografia dal titolo: Le Federally Administered Tribal Areas: Storia e futuro dell’estremismo islamico in Pakistan e Afghanistan; è collaboratore di riviste come “Affarinternazionali” e dell’Istituto di Alti studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie, e della rivista RISE del Torino World Affairs Institute.

_______________________________________________________________

 

Print Friendly and PDF

Article printed from Dialoghi Mediterranei: http://www.istitutoeuroarabo.it/DM

URL to article: http://www.istitutoeuroarabo.it/DM/il-punto-di-vista-del-cielo/

Copyright © 2013-2020 Dialoghi Mediterranei. All rights reserved.