Il Mediterraneo. Gli arabi: antiche tracce e nuove presenze

Immigrati-del-Maghreb-nel-centro-storico-di-Palermo-ph.-A.-Belvedere.jpg

Immigrati del Maghreb nel centro storico di Palermo (ph. A. Belvedere)

di Aldo Belvedere

831 d.C.

Gli arabi, popolo di agricoltori e commercianti nomadi, non costruttori stanziali, occupano la Sicilia provenienti da quel crocevia di civiltà che è il Mar Mediterraneo.

Di quel periodo storico, oggi restano alcune abitudini di vita quotidiana, espressioni popolari dove lo straniero proveniente dal sud è universalmente definito “turcu”,  le colture di agrumi, la rete idrica sotterranea, i “quanat”, una preghiera universale scolpita sulla prima colonna di sinistra del porticato della cattedrale di Palermo, e pochissime tracce di edifici profondamente restaurati dai successivi occupanti dell’Isola, i Normanni.

Il castello della Zisa e il complesso idrico annesso (ph. A. Belvedere)

Il castello della Zisa e il complesso idrico annesso (ph. A. Belvedere)

Questi ultimi restaurarono le chiese divenute moschee, restituendole al rito cristiano, costruirono edifici dall’aspetto arabeggiante  dato dall’utilizzo di manodopera già abile nei decori arabi e dal riuso di materiali di risulta dalle trasformazioni edili.

Di certo oggi, a parte gli oggetti in mostra al Museo di Arte Islamica presso il castello della Zisa, la presenza araba si respira fondamentalmente in quel che resta degli antichi suq arabi.

Suq al-balhara oggi Ballarò .(ph. A. Belvedere).

Suq al-balhara oggi Ballarò .(ph. A. Belvedere)

Il suq Al-buhariyya  oggi  Vucciria era sino al 1990 il mercato delle carni meno nobili, pesce e verdure; il suq Al-balhara oggi Ballarò era ed è il mercato delle carni più nobili, pesce e spezie; il suq Al-attarin  oggi  Lattarini era rinomato per le sue spezie.

Suq al-balhara oggi Ballarò .(ph. A. Belvedere).

Suq al-balhara oggi Ballarò .(ph. A. Belvedere)

C’è chi ancora in Sicilia si appassiona all’arte tipicamente araba dell’addomesticare i rapaci; e come non notare le fisionomie mediterranee, arabe, segno che la linea genetica è ancora viva nella popolazione dell’Isola .

Un addestratore di falchi (ph. A. Belvedere).

Un addestratore di falchi (ph. A. Belvedere)

Oggi Palermo, eletta proprio dagli arabi al loro insediamento capitale dell’Isola, a scapito della precedente Siracusa , ha un suo visir, il professore Leo Luca Orlando, sindaco energico e determinato come solo un visir sa essere e deve essere in una città del sud.

(ph. A. Belvedere).

Il Sindaco Leoluca Orlando (ph. A. Belvedere)

i-diavoli-della-zisa-ph-a-belvedere

I diavoli della Zisa (ph. A. Belvedere)

Un’antica diceria parla dei Riavuli ra’ Zisa, i Diavoli della Zisa. Di sicuro un burlone normanno o arabo-palermitano decorò il soffitto dell’ingresso della Zisa con figure di diavoli (gli arabi non raffigurano forme umane nelle decorazioni) che leggenda vuole  impossibili da contare, ad ogni tentativo pare il loro numero sia sempre diverso: ne ho incontrato uno proprio al suq Al-buhariyya, sì alla Vucciria, ironico ed irriverente spettatore di quel che oggi si chiama democrazia partecipata.

2018 d.C.

suq-al-buhariyya-oggi-vucciria-ph-a-belvedere

Suq al-buhariyya, oggi Vucciria (ph. A Belvedere)

Bancarelle delle spezie alla Vucciria(ph. A. Belvedere).

Bancarelle delle spezie alla Vucciria (ph. A. Belvedere).

Il sud del Mediterraneo ancora oggi – e come potrebbe essere diversamente –  approda in Sicilia, terra d’Europa, con tutti i mezzi, legali e non, in cerca di miglior vita, in fuga da crisi economiche, carestie, guerre, sfruttamento, come tutte le ondate migratorie che la Terra ha vissuto, portando con sé il bene e il male delle umane vicende e comunque contribuendo con la mescolanza di culture all’arricchimento e alla conoscenza.

Pescivendolo della Vucciria (ph. A. Belvedere).

Pescivendolo della Vucciria (ph. A. Belvedere).

Manifestazione per la rinascita della Vucciria (ph. A. Belvedere).

Manifestazione per la rinascita della Vucciria (ph. A. Belvedere).

In Sicilia si riaprono tanti luoghi del cuscus, dell’hennè, molte strade hanno i nomi scritti anche in arabo; attorno a Ballarò quartieri dove al telefonino si parla tunisino, ed è solo per questo e per le scarpe col tallone piegato che si distingue l’immigrato da Sfax, o da Kairouan, o da Bou Saada, El Oued e Biskra dall’indigeno dell’Albergheria, della Kalsa e del Capo. Poi gli stessi vestiti, le stesse difficoltà a guadagnarsi la giornata, le stesse bottiglie di birra, anestetico di tutti i dolori.

Manifestazione-di-solidarietà-con-la-nave-Aquarius-ph.-A.-Belvedere1.jpg

Manifestazione di solidarietà con la nave Aquarius (ph. A. Belvedere)

Dialoghi Mediterranei, n.32, luglio 2018

______________________________________________________________

Aldo Belvedere, vive opera tra Palermo e Bruxelles, fotografo dal 1975, dal 1983 è professionista indipendente. Oltre all’attività di ricerca personale, si occupa di creazione visiva per privati, imprese siciliane ed estere, istituzioni governative e culturali e molte tra le foto realizzate nel corso degli anni sono state utilizzate da questi a corredo di pubblicazioni. Numerosissime le mostre personali e collettive, in Italia e all’estero.
___________________________________________________________________________

 

Se vuoi condividere l'articolo sui Social Network clicca sulle icone seguenti:
Questa voce è stata pubblicata in Immagini, Società. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>